#Ideas

    Voucher per l’internazionalizzazione: i contributi per le aziende che vogliono espandersi all’estero

    29 giugno 2021 Internazionalizzazione Digitale

    L’esportazione rappresenta ancora un tassello importante dell’economia italiana, lo dimostrano i dati relativi all’export 2020 rilevati dal report annuale ICE: nonostante la crisi sanitaria globale e il conseguente freno alle attività commerciali avvenuto nei primi mesi dell’anno, già dalla seconda metà del 2020 si è registrato un deciso miglioramento a livello di esportazioni.

    voucher internazionalizzazione

     

    Dal -16.9% registrato a fine maggio si è passati infatti al -9.7%, dimostrando che l’export rimane il primo motore della ripresa nelle situazioni di crisi.

    Le stime per il 2021 parlano di una risalita del +7,4% e per il 2022 del 5,2%. Secondo tali numeri, l’export ritornerà ai livelli pre Covid non prima del 2022.

    Sempre all’interno dello stesso report, si evidenzia il ruolo dei canali di marketing e comunicazione digitali, sempre più centrale nelle strategie commerciali delle aziende.

    Come si può leggere all’interno del report, “Le vendite on-line (B2B e B2C) costituiscono un mercato da 26 trilioni di dollari che cresce a ritmi del 9% circa all’anno, accelerati in prospettiva dalle nuove abitudini di consumo sperimentate nel periodo di lock-down”. 

    Da notare che il 50% dell’export italiano deriva dalle PMI, rispetto al 20% di Francia e Germania. 

    Le piccole e medie imprese rappresentano il tessuto fondante dell’economia italiana, ma necessitano di adeguati strumenti per potersi aprire a nuovi mercati. Per questo il Ministero per lo Sviluppo Economico e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione hanno promosso una serie di iniziative a sostegno delle imprese, uno dei quali è il voucher per l’internazionalizzazione a favore delle micro e piccole imprese.


    Scopri le soluzioni Alea per l'internazionalizzazione digitaleA chi è rivolto e a cosa serve il voucher per l’internazionalizzazione

    Il voucher per l’internazionalizzazione è destinato alle micro e piccole imprese (MPI) manifatturiere con meno di 50 addetti che vogliono espandere la propria attività sui mercati esteri oppure consolidare le strategie di export già in essere. 

    Il voucher può avere importo di:

    • €20.000 per la singola micro o piccola impresa che si avvale di un contratto di consulenza di almeno 30.000 euro (al netto dell’IVA)
    • €40.000 per le reti di imprese che stipulano un contratto di consulenza non inferiore ai €60.000 

     

    Il voucher è stato istituito per permettere alle aziende di usufruire della consulenza e del supporto di un Temporary Export Manager (TEM), uno specialista o ente con una comprovata esperienza nella digitalizzazione d’impresa e nell’internazionalizzazione, regolarmente iscritto ad apposito elenco istituito dal Ministero.

    Per essere inclusi in questo elenco, i professionisti o gli enti devono rispondere a specifici requisiti relativi al possesso di specifiche certificazioni in ambito digitale per l’utilizzo dei principali strumenti di marketing e comunicazione, come ad esempio HubSpot, la piattaforma di Inbound Marketing di cui Alea è partner certificato.

    Il ruolo del TEM è quello di supportare l’apertura ai mercati esteri attraverso un insieme di attività mirate come:

    • analisi e ricerche sui mercati esteri
    • individuazione e acquisizione di nuovi clienti
    • assistenza nella contrattualistica per l’internazionalizzazione
    • incremento della presenza nelle piattaforme di e-commerce
    • integrazione dei canali di marketing online
    • gestione evoluta dei flussi logistici


    Altri fondi per l’internazionalizzazione delle aziende: gli incentivi SACE - SIMEST

    SACE SIMEST, la società del Gruppo Cassa depositi e prestiti che sostiene la crescita delle imprese italiane attraverso l’internazionalizzazione, mette a disposizione delle aziende dei contributi a fondo perduto. L’ultima apertura ai finanziamenti agevolati è avvenuta il 3 giugno 2021 e ha registrato oltre 8mila istanze; il massiccio afflusso di domande registrato nelle prime 24 ore hanno portato alla temporanea chiusura delle prenotazioni sul portale. Un fatto che ci fa capire quanto l’apertura ai mercati esteri sia vista come una grande opportunità da parte di un buon numero di imprese italiane. 

    Alea per l’internazionalizzazione digitale delle aziende

    Alea è società iscritta all'Albo nazionale dei TEM, l’elenco dei Temporary Export Manager a cui le aziende italiane possono fare riferimento per la loro espansione sui mercati esteri.

    Da tempo lavoriamo al fianco delle aziende che vogliono espandersi sui mercati esteri grazie alle opportunità offerte dal digitale, occupandoci di tutti gli aspetti coinvolti nel processo: dall’ideazione della strategia all’implementazione di canali e soluzioni per promuovere il brand e la sua offerta, dalla localizzazione e transcreazione dei contenuti del sito web alla creazione di campagne pubblicitarie sui motori di ricerca, abbiamo all’attivo diversi progetti sul mercato europeo ed extra-europeo, con aziende B2C e B2B.

    Scopri i nostri servizi dedicati all’internazionalizzazione digitale d’impresa oppure contattaci ora per sapere come possiamo aiutarti a portare la tua offerta sui mercati esteri.

    Ti potrebbe interessare anche:

    Posizioni Aperte